L’atto di precetto è l’intimazione rivolta alla parte soccombente della sentenza, in cui s’invita la medesima al rispetto di quanto stabilito nel provvedimento emesso dal magistrato. In buona sostanza, quindi, l’atto di precetto precede l’azione esecutiva vera e propria, concedendo un termine al debitore, non inferiore a 10 giorni, per adempiere agli obblighi previsti in sentenza e con l’avvertimento che in difetto, sarà avviata l’esecuzione forzata.

Quindi, colui che perde la causa, ove non dovesse adempiere spontaneamente alla sentenza emessa ed ai provvedimenti in essa contenuti, deve aspettarsi la notifica del titolo esecutivo, in copia conforme (la sentenza), unitamente all’atto di precetto.

Viceversa, la parte vincitrice della causa, trascorsi dieci giorni dalla notifica delle sentenza e del contestuale atto di precetto, senza che sia accaduto alcunché, potrà avviare l’esecuzione forzata nelle varie forme disponibili (pignoramento mobiliare, pignoramento immobiliare, pignoramento presso terzi, ecc).

« Back to Glossary Index
Category :

Lascia un commento