Una banca dati per contrastare frodi e truffe alle assicurazioni

Una banca dati per contrastare frodi e truffe alle assicurazioni

E’ appena nata una banca dati per contrastare le frodi e le truffe alle assicurazioni.

Nel nuovo archivio verranno d’ora in poi inseriti tutti i dati dei sinistri stradali, compresi quelli dei testimoni e dei danneggiati.

Lo scopo della banca dati è quello di individuare più facilmente i casi sospetti di richieste di indennizzi non dovuti.

Il 1 giugno 2016, in attuazione del decreto legislativo 209/2005, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il regolamento (clicca qui per leggere il testo integrale) recante la disciplina della banca dati sinistri, della banca dati anagrafe testimoni e della banca dati anagrafe danneggiati, di cui all’articolo 135 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – codice delle assicurazioni private. (Provvedimento n. 23/2016)

Le compagnie assicurative, implementando la nuova banca dati, forniranno all’IVASS tutti i dati dei sinistri denunciati. Si costituirà pertanto un archivio informatico integrato, una ricca banca dati, valido strumento per individuare in tempi brevi tutti i casi di probabili truffe alle assicurazioni.

L’archivio informatico integrato, una vera e propria banca dati, sarà divisa in tre sezioni: sinistri, danneggiati e testimoni. I dati inseriti dalle assicurazioni serviranno all’IVASS che, incrociandoli e confrontandoli, dovrebbe riuscire a celermente individuare i casi di probabili tentativi di frode.

La banca dati, infatti, è organizzata in modo da consentire all’IVASS di effettuare elaborazioni statistiche, ricerche, studi ed analisi dei dati inseriti dalle imprese di assicurazione.

La banca dati dei sinistri è finalizzata alla prevenzione di comportamenti fraudolenti, in danno alle compagnie assicurative.

I dati raccolti saranno quelli di sinistri, danneggiati e testimoni che vedono coinvolti veicoli a motore immatricolati in Italia.

ServiziAvvocatiAziende, in partnership con Servizisicuri.com, coadiuva da sempre le Compagnie di Assicurazioni raccogliendo prove, indizi, testimonianze ed informazioni su sinistri, testimoni e danneggiati.

Per maggiori informazioni sulle indagini contrastanti la frode assicurativa e per preventivi personalizzati chiama il 3518543411, oppure compila il modulo che trovi cliccando qui

ServiziAvvocatiAziendepartner di Servizisicuri.com, vanta piena operatività in tutti i comuni delle seguenti provincie:

AgrigentoAlessandriaAnconaAosta
ArezzoAscoli PicenoAstiAvellino
BariBarletta-Andria-TraniBellunoBenevento
BergamoBiellaBolognaBolzano
BresciaBrindisiCagliariCaltanissetta
CampobassoCarbonia-IglesiasCasertaCatania
CatanzaroChietiComoCosenza
CremonaCrotoneCuneoEnna
FermoFerraraFirenzeFoggia
Forlì-CesenaFrosinoneGenovaGorizia
GrossetoImperiaIserniaLa Spezia
L’AquilaLatinaLecceLecco
LivornoLodiLuccaMacerata
MantovaMassa-CarraraMateraMedio Campidano
MessinaMilanoModenaMonza e della Brianza
NapoliNovaraNuoroOgliastra
Olbia-TempioOristanoPadovaPalermo
ParmaPaviaPerugiaPesaro e Urbino
PescaraPiacenzaPisaPistoia
PordenonePotenzaPratoRagusa
RavennaReggio CalabriaReggio EmiliaRieti
RiminiRomaRovigoSalerno
SassariSavonaSienaSiracusa
SondrioTarantoTeramoTerni
TorinoTrapaniTrentoTreviso
TriesteUdineVareseVenezia
Verbano-Cusio-OssolaVercelliVeronaVibo Valentia
VicenzaViterbo

2 thoughts on “Una banca dati per contrastare frodi e truffe alle assicurazioni”

  1. Che si voglia o no…
    Che piaccia o meno…
    Le banche dati, sono la croce & delizia del cittadino comune, delle aziende, degli istituti di credito, delle amministrazioni…..
    Ma è anche innegabile che, se effettivamente gestite con crismi e correttezze, indubbiamente possano esser un aiuto molto importante anche per cose e situazioni più disparate…..
    Ed in questo caso ancor di più, visto che poi le “truffe” di pochi ricadono, in termini di costi, sull’intera collettività

Comments are closed.