Cos’è e come funziona il pignoramento presso terzi?

Pignoramento presso terzi: il pignoramento dello stipendio, della pensione, del conto corrente bancario, del conto corrente postale, dei canoni di affitto, dei crediti dovuti da clienti, delle fatture in riscossione, cos’è e come funziona?

Il pignoramento presso terzi è una forma di esecuzione forzata che, pur avendo ad oggetto beni del debitore, viene eseguita non direttamente nei suoi confronti, ma di altri (i cosiddetti “terzi”). In altre parole, con il pignoramento presso terzi solitamente si pignorano i crediti del debitore detenuti da terze persone.

Il pignoramento è l’ultima fase del recupero crediti giudiziale, quella che serve per prelevare i beni del debitore inadempiente (siano essi mobili, immobili, terreni, arredi, somme di denaro, conti correnti bancari, conti correnti postali, titoli di credito, stipendi o pensioni).

Per poter pignorare, il creditore deve essere in possesso di un titolo esecutivo, di un documento nel quale, in modo certo ed inconfutabile, sia attestato il suo diritto ad ottenere il pagamento delle somme vantate. Titolo esecutivo può essere una sentenza di condanna del Giudice, un decreto ingiuntivo, una cambiale o un assegno.

In possesso di un titolo esecutivo e dopo aver notificato l’atto di precetto, quell’ultimo avvertimento che il creditore manda al debitore, concedendogli dieci giorni di tempo per ottemperare, il creditore può scegliere quale tipo di beni del debitore aggredire per  poi recuperare i soldi che gli sono dovuti e vedere soddisfatte le proprie pretese creditorie.

Nello stabilire quale tipo di beni del debitore pignorare, il creditore sceglie anche la forma di pignoramento. Per conoscere tutti i beni intestati al debitore ed utilmente aggredibili, è di basilare importanza rivolgersi a società di informazioni commerciali, in possesso di Licenza di Pubblica Sicurezza, come Servizisicuri.com, partner di ServiziAvvocatiAziende.

Se il creditore sceglie di pignorare i crediti dovuti dal datore di lavoro al dipendente debitore, a titolo di retribuzioni mensili, si perfezionerà un pignoramento presso terzi, il c.d. pignoramento del quinto dello stipendio.

Se il creditore sceglie di pignorare le somme mensili dovuti dall’Ente di Previdenza al debitore pensionato, si perfezionerà un pignoramento presso terzi, il c.d. pignoramento della pensione.

Se il creditore sceglie di pignorare le somme di denaro che la Banca o Poste Italiane deve al correntista debitore, si perfezionerà un pignoramento presso terzi, il c.d. pignoramento del conto corrente, o di tutti gli altri titoli e libretti ivi appoggiati.

Se il creditore sceglie di pignorare i canoni di locazione che l’affittuario mensilmente deve al debitore, come corrispettivo per l’utilizzo di un suo bene immobile, si perfezionerà un pignoramento presso terzi, il c.d. pignoramento di affitti e pigioni.

Se il creditore sceglie di pignorare i crediti dovuti da clienti debitori nei confronti del suo debitore, si perfezionerà un pignoramento presso terzi, il c.d. pignoramento delle fatture emesse dal debitore.

ServiziAvvocatiAziende, in partnership con Servizisicuri.com, mette a disposizione di ogni debitore tutti gli strumenti consentiti dalla legge per individuare ogni bene intestato al debitore ed utilmente aggredibile.

Clicca qui per avere maggiori informazioni o per un preventivo gratuito, oppure chiama il 3391465912 saremo a tua disposizione.