Quali sono i beni impignorabili?

Quali sono i beni intestati al debitore o che si trovano nella disponibilità del debitore e che non possono essere oggetto di pignoramento?

Per sapere quali siano i beni impignorabili, occorre fare riferimento agli artt. 514, 515 e 516 del Codice di Procedura Civile, che definiscono i beni che non possono essere assolutamente oggetto di pignoramento, quelli relativamente impignorabili e quelli pignorabili solo in alcune circostanze di tempo. A questi si aggiungono i beni del terzo, che l’Ufficiale Giudiziario può pignorare se il debitore non prova la proprietà altrui.

In estrema sintesi:

Non si possono assolutamente pignorare (beni impignorabili) ex art. 514 c.p.c.:

1) le cose sacre e che servono per esercitare il culto;

2) la fede nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, i tavoli per consumare i pasti e le relative sedie, gli armadi guardaroba, i cassettoni, il frigorifero, le stufe ed i fornelli di cucina (a gas o elettrici), la lavatrice, gli utensili di casa e di cucina ed un mobile idoneo a contenerli, poiché si tratta di oggetti indispensabili al debitore e ai familiari conviventi;

3) i commestibili e i combustibili necessari a mantenere il debitore e i familiari con lui conviventi per un mese;

4) gli strumenti, gli oggetti ed i libri necessari per esercitare l’arte, la professione o il mestiere del debitore;

5) le armi e gli oggetti che il debitore deve conservare per adempiere a un pubblico servizio;

6) le decorazioni al valore, le lettere, i registri, gli scritti di famiglia e i manoscritti che non facciano parte di una collezione;

6-bis) gli animali di affezione o da compagnia che vivono nella casa del debitore o in altri luoghi a lui appartenenti, senza finalità produttive, alimentari o commerciali;

6-ter) gli animali impiegati per finalità terapeutiche, fini terapeutici o di assistenza del debitore, del coniuge, del convivente o dei figli.

Sono invece pignorabili, anche se parte del mobilio dell’abitazione, i mobili di rilevante valore economico per accertato pregio artistico o di antiquariato ed i manoscritti che facciano parte di una collezione.

Il codice civile contiene norme che dispongono l’impignorabilità dei seguenti beni:

  • frutti (artt. 170, 188 c.c);
  • usufrutto legale (art. 326 c.c.);
  • beni demaniali dello Stato (art. 822 c.c.);
  • beni patrimoniali indisponibili dello Stato o di altro Ente Pubblico (art. 826 c.c.);
  • beni destinati al regime patrimoniale della famiglia (art. 170 c.c.);
  • beni di Enti Ecclesiastici ed edifici di culto (art. 831 c.c.).
  • cose oggetto di contratto estimatorio (art. 1558 c.c.);
  • rendita (art. 1881 c.c.);
  • somme dovute dall’assicuratore (art. 1923 c.c.);
  • fondi speciali per la previdenza (art. 2117 c.c.);
  • quota del socio (artt. 2305, 2531 c.c.);
  • fondo consortile (art. 2614 c.c.).

Ex art. 515 c.p.c., sono relativamente pignorabili le cose utilizzate dal debitore per lo svolgimento del suo lavoro, arte, mestiere e professione:

le cose, che il proprietario di un fondo vi tiene per il servizio e la coltivazione dello stesso, possono essere pignorate separatamente dall’immobile solo in mancanza di altri mobili, anche se il Giudice dell’Esecuzione può:
1) ritenerle impignorabili con ordinanza, se le ritiene necessarie per la coltura, la coltivazione o il servizio del fondo;
2) permetterne l’uso, anche se pignorate, adottando le opportune cautele per la loro conservazione e ricostituzione;
gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per esercitare la professione, l’arte o il mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, se il presumibile valore di realizzo degli altri beni individuati dall’Ufficiale Giudiziario o indicati dal debitore non è sufficiente a soddisfare il credito. Il limite di un quinto non si applica ai debitori costituiti in forma societaria o se nelle attività del debitore risulta che il capitale investito sul lavoro è prevalente;
crediti alimentari pignorabili per le cause di alimenti;
stipendi, salari e indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute per cause di licenziamento e crediti alimentari e, nella misura di un quinto, per tributi o altri crediti;
stipendi, salari, assegni, gratificazioni, pensioni, indennità, sussidi ed i compensi dovuti ai pubblici dipendenti, pignorabili nei limiti previsti dal D.P.R. n. 180/1950;
i beni del fondo patrimoniale per i debiti che il debitore ha contratto per scopi estranei ai bisogni della famiglia;
i frutti dei beni del figlio nell’usufrutto legale.

Sono pignorabili in particolari circostanze di tempo ex art. 516 c.p.c.:

i frutti non ancora raccolti o separati dal suolo separatamente dall’immobile a cui accedono nelle ultime sei settimane anteriori al tempo ordinario della loro maturazione, a meno che che il creditore pignorante si assuma le maggiori spese della custodia;
i bachi da seta solo quando sono nella maggior parte sui rami per formare il bozzolo.

Può capitare che presso il debitore si trovino beni appartenenti a terze persone. In questo caso essi non possono essere pignorati dall’Ufficiale Giudiziario se:

il debitore, esibendo un atto pubblico, una scrittura privata autenticata o una sentenza passata in giudicato, riesce a dimostrare che il bene appartiene ad un’altra persona;
la data del documento da cui risulta la titolarità del bene al terzo è precedente di un anno rispetto al pignoramento.
Se poi l’Ufficiale Giudiziario procede comunque al pignoramento, poiché non spetta a lui verificare la proprietà dei beni che si trovano nella disponibilità del debitore, spetterà al vero proprietario dimostrarne la titolarità con l’azione di opposizione del terzo ai sensi dell’art. 619 c.p.c.

Ai fini di un esaustivo pignoramento mobiliare, ServiziAvvocatiAziende in partnership con Servizisicuri.com coadiuva il creditore nella ricerca di tutti i beni intestati al debitore ed utilmente pignorabili.

Per maggiori informazioni e preventivi personalizzati chiama il 3391465912 oppure compila il modulo che trovi cliccando qui